Estroflessioni 2.0 Antonio Gesuele Catananti

"VOGLIO VINCERE LE FORZE GRAVITAZIONALI PER DARE UNA FORMA ALLA MATERIA OSCURA E ALL'ENERGIA OSCURA DELL'UNIVERSO, LE TRE DIMENSIONI DEL MONDO FISICO A CUI SIAMO ABITUATI A PENSARE SI AMPLIANO, CON LA NECESSITA' DI UN ULTERIORE COORDINATA OLTRE A QUELLE SPAZIALI A NOI PERCETTIBILI, GIUNGENDO ALLA QUARTA DIMENSIONE.
ATTRAVERSO LE MIE OPERE TRAGHETTO NEL TETRASPAZIO, CERCO DI ABBANDONARE LA DIMENSIONE TRIDIMENSIONALE E MI SPINGO VERSO LA QUARTA DIMENSIONE, OPPONENDOMI ALLA GRAVITA', GIUNGENDO AD UNA VISIONE FUTURISTA, CHE GLI UOMINI CHE VERRANNO, VISIONERANNO A PIENO, CON GLI STRUMENTI DEL FUTURO. UOMINI CHE POTRANNO VEDERE L'UNIVERSO CON ULTERIORI PUNTI DI VISTA, MUOVENDOSI LIBERAMENTE ATTRAVERSO L'IPERSPAZIO".

Il mio concetto, dare forma alla materia oscura ed all'energia oscura, opponendomi alle forze gravitazionali, la gravità esiste anche in un multiverso, la quarta dimensione e l'esistenza di mondi disposti su falsi piani a noi impercettibili, ma che vengono influenzati dalla gravità che è l'unico elemento che può muoversi attraverso il TETRASPAZIO, quel che noi esseri senzienti di questo momento, non vediamo, non percepiamo, i teorici Astrofisici, con i loro calcoli, hanno teorizzato esistere.
Tutto ha forse origine dalla materia oscura e dall'energia oscura? Cos'è la materia oscura e cos'è l'energia oscura? le ultime teorie Astrofisiche presumono che la materia oscura e l'energia oscura sia il 95% e solo il 5% la materia rilevabile. La materia oscura e l'energia oscura hanno quindi effetti sull'attrazione gravitazionale e sul nostro concetto di spazio-tempo? La mia missione è comprendere e vincere le forze gravitazionali, per quel che mi è concesso.
Le opere da me realizzate sono delle estroflessioni (Shaped canvas), che io ho definito: "ESTROFLESSIONI 2.0", perché con la mia tecnica estrofletto la tela senza il bisogno di alcun supporto posteriore, asporto parti di essa, taglio, senza che questo comprometta la stabilità dell’opera, opponendomi alle forze gravitazionali.
Ho cominciato nel 2018, dopo anni di altre esperienze artistiche quali collage ed informale materico, a modellare la tela, mediante l'utilizzo di sagome di legno e metallo inserite dietro il quadro per produrre le mie prime opere estroflesse.
In seguito, durante alcune meditazioni, mi sono chiesto: “Perché non estroflettere la tela in modo che la stessa possa sorreggersi da sola, in una condizione tridimensionale, in modo da non avere nessun sostegno sul retro?”.
Di conseguenza ho iniziato a ricercare e sperimentare l'utilizzo di resine, che mischiate ai colori, dopo vari tentativi, mi hanno permesso di modellare la tela a mio piacimento, in modo che la stessa rimanga nella posizione decisa, senza la necessità di nessun appoggio, di legno o di metallo.
Quindi ho eliminato dal retro della tela tutti i supporti ed ho constatato che tutto reggeva perfettamente, anche con una certa dose di flessibilità.
In seguito ho deciso di effettuare dei fori di varie dimensioni ed anche dei tagli nelle ESTROFLESSIONI.
I miei tagli e i miei fori sono effettuati su una tela in 3D, non più su una superficie piatta.
Quindi comprendendo che i fori ed i tagli nelle ESTROFLESSIONI, sono aperture verso uno spazio ulteriore, la quarta dimensione (4D) di mondi a noi impercettibili, le figure prodotte nelle mie opere, abbandonano il piano e continuano nello spazio ancora ignoto del cosmo.
L'infinito ed il vuoto prendono forma, nasce una nuova idea di spazio, inteso come materia da modificare; modellando e bucando la tela ESTROFLESSA si realizza un nuovo concetto su di una tela, il vuoto che si vede oltre la tela estroflessa fa parte dell’opera, la tela abbandona la configurazione piatta e rettangolare ed anche quello che non è nella materia visibile e tangibile, che compone l’opera, fa parte di essa, la MATERIA OSCURA E L'ENERGIA OSCURA all'umanità sconosciute, entrano a far parte del quadro.
"materia oscura si definisce un'ipotetica componente di materia che, diversamente dalla materia conosciuta, non emetterebbe radiazione elettromagnetica e sarebbe attualmente rilevabile solo in modo indiretto attraverso i suoi effetti gravitazionali. cit. Wikipedia"
"L'energia oscura è un'ipotetica forma di energia non direttamente rilevabile diffusa omogeneamente nello spazio, che potrebbe giustificare, tramite una grande pressione negativa, l'espansione accelerata dell'universo e altre evidenze sperimentali. cit. Wikipedia"
N.B.
"Estroflessioni 2.0 è la raccolta degli ultimi lavori prodotti da Antonio Gesuele Catananti. Antonio avvia la sua ricerca sulla tridimensionalità della tela, attraverso la creazione di strutture che la estroflettono fino a renderla tridimensionale.
In seguito alle prime sperimentazioni, medita sulla possibilità di supporti che siano in grado di sostenersi autonomamente, arrivando a sviluppare una tecnica di modificazione del tessuto, le cui flessioni o asportazioni risultano autoportanti. Senza necessità di ulteriori aggiunte al telaio, la 'tela' di Antonio acquisisce stabilità, non subisce le modificazioni a cui è costretta dalla legge di gravità, diviene una struttura scultorea che gioca sulla percezione visiva dell'osservatore. La visione frontale, come si evince dalla galleria digitale, non permette una fruizione totale dell'opera, che necessità la presenza fisica dell'osservatore. Come per la scultura, visibile a 360° gradi proiettata nello spazio, le tele di Antonio aspirano a divenire scultoree, affacciandosi verso la terza dimensione.
Difatti, Antonio svela il muro oltre il dipinto, apre un varco al di là dalla superficie bidimensionale, le sue tele danno l'opportunità di vedere cosa si trova dietro, acquisiscono dinamismo e plasticità."
Cit. Alice loffrida